Documento senza titolo
     
     
 

 

menu_top_default

Chrome CSS Drop Down Menu


Baby-nuoto
ASSOCIAZIONISMO NOTIZIE
8.jpg
IL MELOGRANO NIDO
Centro informazione e servizi per la famiglia
Baby-nuoto
9.jpge_apostrofata.lettera.jpgnostro desiderio presentarvi un’attività che per noi ha suscitato grandi emozioni e soddisfazioni, catturando la professionalità di tutto lo staff impegnato nel Baby-Nuoto. Sicuramente non è l’unica esperienza presente nel territorio nazionale, ma di certo è ora una delle poche, un insieme di ricerca, esperienza e lavoro personale. L’acqua è da sempre riconosciuta come l’elemento indispensabile a tutti gli organismi viventi. È nell’acqua che tutti i bambini si sono trovati prima di nascere e mantenere questa condizione per il neonato è molto importante. Ancora oggi, molti considerano una “violenza” portare il bambino in acqua sin dai primi mesi, ma sono molti i bambini che a 2/3 anni hanno un’acquaticità non serena, e questa è una vera “violenza”, è come se il bambino non sapesse parlare la propria lingua madre. Il feto in utero, analogamente ad altri mammiferi, è di fatto un essere acquatico e possiede il riflesso identico a quello dei mammiferi acquatici. Lo stare in acqua, aiuta il bambino a mantenere vivo questo riflesso. L’acqua facilita il movimento e il piccolo muove vigorosamente gambe e braccia, come se già sapesse nuotare. Di sicuro l’acqua deve presentarsi con delle caratteristiche indispensabili per ospitare i piccoli. La temperatura deve essere tra i 30 e i 34 gradi, indispensabili le condizioni igieniche, le dimensioni della vasca non molto grandi per permettere un lavoro più raccolto e ben seguito, l’altezza idonea per un galleggiamento dei bambini e per una buona sicurezza dei genitori che devono potersi muoversi in piena autonomia e disinvoltura. Spogliatoi caldi con supporti adeguati per preparare i piccoli e un operatore pronto a consigliare la posizione adatta per la doccia con il bambino e disponibile per dare una mano. Ma questi sei anni di esperienza ci portano a confermare che la scenografia di questo fantastico mondo acquatico la ritroviamo nella naturale, spontanea e frizzante relazione che ogni bambino esprime con il proprio genitore e nei volti meravigliati delle mamme e dei papà alle prese con le scoperte dei propri piccini. Noi dello staff non possiamo che rispettare questa armonia relazionale ringraziando tutti loro per questo “tutto” che donano a noi. Un “tutto” fatto di piccoli movimenti, intense espressioni, cornici uniche come la mamma che allatta il bambino, il bambino che tende le braccia alla mamma, il papà che gioca con il piccolo…e il gioco, piccoli e grandi passi contornati da una leggera atmosfera ludica che coinvolge i piccoli capaci di trascinare anche i grandi. Un’occasione settimanale per guardarsi negli occhi, per non pensare agli impegni ma dedicarsi un’ora diversa in un contesto nuovo fatto di coccole e grandi emozioni. Quest’anno posso raccontarvi tutto non solo come responsabile Dott.ssa Pizzurro Roberta, ma soprattutto come mamma Roberta, che dopo tanto studio e tanta esperienza riapre il corso a settembre portando il suo Angelo di 3 mesi, felice, quanto lei di tornare ogni sabato. Siamo ormai presenti in diversi centri sportivi della periferia di Roma, ma per i bambini di Tivoli e dintorni è stata L’Evolution Club One, sita in Villa Adriana, con professionalità e accoglienza a rispettare le nostre richieste. Chi gestisce il centro è alla ricerca di sicurezza, agiatezza e serenità per i loro ospiti e non ha fatto fatica ad adeguarsi alla nostra filosofia, che va oltre la fisicità, cercando empatia, armonia ed esperienze psico-somatiche per i grandi e i piccini. Piccini che dai tre mesi ai tre anni ogni sabato ci vengono a trovare per continuare il loro percorso, un percorso che non vuole insegnare gli stili del nuoto, ma a vivere un ambientamento piacevole nell’acqua, fatto di supporti e materiali tecnici, nel rispetto dei tempi di ciascun bambino. Approfitto per ringraziare tutte le famiglie, i bambini e il mio staff fatto non solo di persone, ma di familiari che da anni camminano insieme a me per migliorare ciò che vogliamo donare, parlo di mia sorella Francesca, mio cognato Vincenzo e mio marito Antonio. A tutti loro e a voi Buon Natale!
1.jpg

 
. StampaE-mailPDF